Newsletter
01/10/2019
n° 16
in questo numero:
- USA: Luxurydaily.com: intervista a Giulio Capua
- Pan-Regional: Joe Zee è il nuovo Global Artistic Director di Tatler Asia
- Francia: Nuovo layout per M, le Magazine du Monde
- UK: Telegraph Luxury – Speciale Women’s Style
- UK: ST Men – Autumn/Winter 2019

A cura di: Arianna Rimoldi
Luxurydaily.com: intervista a Giulio Capua
Durante l’intervista rilasciata per il sito Luxurydaily.com, Giulio Capua (Publisher del Luxury Group, comprendente le riviste Departures, Travel+Leisure e Food&Wine), ha affermato che tra i suoi primi incarichi vi era quello di dar vita a un team di successo sia in termini di struttura che di persone. D’altro canto, vista la lunga e stimata carriera presso Condé Nast, Vanity Fair, Vogue, Architectural Digest, egli incarnava la figura perfetta per guidare questo gruppo prestigioso.
Grazie all’intervento di Giulio Capua, le prestazioni pubblicitarie delle tre testate del Luxury Group, ereditate da Time Inc., hanno raggiunto ottimi risultati, conquistando la prima posizione nel settore dei media di lusso. Departures, T+L e F&W, infatti, offrono contenuti accattivanti in grado di attirare l’attenzione di un pubblico sofisticato e altamente coinvolto. Il ruolo del digitale e l’evoluzione della pubblicità nel campo del “luxury” hanno contribuito al successo dei magazine, i quali sono leader indiscussi negli ambiti dei viaggi di lusso, della moda, della gioielleria e del design.
In aggiunta, il Luxury Group è alla costante ricerca di idee creative, volte a connettere i propri partner ai brand in modo significativo. Un esempio ben noto è rappresentato dal programma “Limited Edition Luxury” tramite il quale i vari partner mettono a disposizione alcuni prodotti, in edizione limitata, per i lettori di Departures: questi articoli esclusivi sono riservati solo a loro.
T+L e F&W insieme a “Capital One”, invece, hanno ideato la multipiattaforma “Best New Restaurants”, caratterizzata da contenuti personalizzati (print e digital).
Capua ha parlato anche di campagne web, sottolineando quanto sia importante investire in “contents” su piattaforme emergenti e altamente performanti, che sbloccano nuove metodologie di interazione con i clienti. Un video su IGTV, ad esempio, ha permesso al Luxury Group di raggiungere 7.5 milioni di follower su Instagram.
Lo scopo principale di Capua, ad oggi, resta quello di far crescere questi tre brand eccezionali cercando di offrire il meglio ai talenti del settore.
Ricordiamo che Departures viene distribuito a tutti i possessori di Carta Platinum e Centurion di American Express. La testata è pubblicata 7 volte all’anno e vanta 2 numeri speciali dedicati all’arredo e al design (Departures Home+Design). Il reddito medio dei suoi lettori è di $854.631 e l’età media è di 49 anni con una prevalenza di pubblico maschile, che si assesta al 53% mentre quello femminile al 47% (Source: 2018 Departures Readership Survey).
Travel+Leisure è la rivista dedicata agli amanti del tempo libero e a coloro che viaggiano per lavoro. Insieme a Departures, dispone di programmi indirizzati agli amanti dei viaggi alto spendenti. L’età media è di 51 anni con un pubblico maschile superiore (52%) a quello femminile (48%). Il reddito medio è di $329.197 (Source: IPSOS Fall 2018).
Food&Wine è l’unico brand del Luxury Group che si focalizza su ristoranti e chef. Inoltre, ha creato un franchising di 34 anni con “Best New Chef “, in cui le superstar sono chef molto famosi. Il magazine invita il lettore a scoprire la cultura del cibo e del viaggio, cercando di descrivere esperienze culinarie. Il reddito medio è pari a $316.849 e vanta un pubblico femminile superiore a quello maschile (54% vs. 46%), mentre l’età media è di 48 anni (Source: IPSOS Fall 2018).
Pan-Regional  
Joe Zee è il nuovo Global Artistic Director di Tatler Asia
Recentemente Edipresse Media Asia che, a partire da Gennaio 2020 diventerà Tatler Asia Group, ha assunto Joe Zee in qualità di Global Artistic Director della società dei magazine Tatler, la quale comprende le edizioni di Hong Kong, Cina continentale, Singapore, Taiwan, Malesia, Indonesia, Thailandia e Filippine.
Nel corso dei 7 anni trascorsi presso la redazione di Elle (dal 2007 al 2014) come Fashion Editor, Joe Zee è diventato una delle personalità più conosciute nel mondo della moda e dell’intrattenimento: egli, infatti, è apparso spesso in televisione partecipando a numerosi spot e a reality show organizzati da Elle.
«Con l’affermarsi dell’Asia quale nuova superpotenza mondiale, della corrente dei “Pazzi Ricchi Asiatici” e della nuova concezione degli Asiatici nella cultura pop americana, sono davvero entusiasta all’idea delle possibilità di crescita che si prospettano» afferma il Direttore Artistico. La sua missione principale sarà quella di elevare ulteriormente il brand Tatler attraverso un redesign print e digital; inoltre, Joe Zee farà in modo di dare maggiore rilevanza ai contenuti fashion e beauty, senza tralasciare le tematiche legate all’arte, ai viaggi, al cibo e al fitness. Per quanto concerne i lettori, l’obiettivo consiste nell’accattivarsi maggiormente le famiglie asiatiche alto spendenti, nonché di attirare anche professionisti e creativi.
Brendan Monaghan è sicuramente un’altra new entry prestigiosa: ex Chief Fashion & Luxury Officer presso Condé Nast ed ex Senior Vice President di The New York Times, Monaghan è il nuovo Chief Revenue and Marketing Officer del gruppo. C’è, poi, Danica Lo (ex Digital Director di WWD e di Food & Wine) che ricopre il ruolo di Chief Content Officer.
In generale, la scelta di Edipresse Media Asia di legarsi a esponenti autorevoli dell’editoria americana nasce dalla volontà di mettere in atto un rebranding totale delle 8 edizioni di Tatler, un brand che si differenzia per la qualità del lettorato. L’azienda, infatti, può contare su un team attento che vigila sulla distribuzione delle testate affinché queste raggiungano un pubblico abbiente, oltre che hotel di lusso e club privati.
Il redesign di Tatler sarà attuato a partire da Marzo 2020 in concomitanza con la fiera di Art Basel, che si terrà a Hong Kong. Michel Lamunière (Chairman e CEO del gruppo editoriale), infine, vorrebbe lanciare la rivista anche nei mercati di Vietnam, Corea, Myanmar, Cambogia e India. D’altro canto, come sostiene Monaghan, «si tratta di una finestra sul mercato asiatico per marchi che forse non avrebbero mai considerato Tatler fino ad ora».
Nuovo layout per M, le Magazine du Monde
Per la prima volta in 8 anni M, le Magazine du Monde rinnova la tipografia e, soprattutto, il layout che diventa più chiaro ed elegante.
La sezione “La Semaine” si avvale di nuovi contenuti, che rendono la parte iniziale della rivista più accattivante: una serie dedicata all’attualità sviluppata in diversi episodi, l’estensione della rubrica “La prima volta che Le Monde ha scritto…” focalizzata su epoche differenti al fine di osservare come si evolve l’opinione comune su una personalità o un’istituzione, le ultime pagine del magazine, meglio note come “Le Goût”, si presentano sotto forma di lunga sequenza lifestyle in cui si mescolano per la prima volta cultura, moda, design e gastronomia attraverso un approccio comune. Tutto ciò per condividere, con i lettori, il piacere che può derivare dall’assistere a una mostra, dall’indossare un accessorio, dal provare un ristorante o dall’intraprendere un viaggio nell’ottica di raccontare come queste esperienze interagiscano con la nostra epoca.
Negli ultimi 5 anni il lettorato della rivista è aumentato del 28%, raggiungendo 2.1 milioni di lettori. Contemporaneamente la circulation è cresciuta del 20% per un totale di 295.752 copie nel 2019. Sul web, la rubrica M mag è la quinta sezione più consultata sul sito LeMonde.fr.
Ricordiamo, inoltre, che il lettore di M ha un’età media di 43 anni vs. 57 anni per Figaro Magazine e 61 anni per Madame Figaro. In aggiunta, su una base di 100, i lettori di M sono più affini all’universo del lusso (Index 175 vs. 144 per Madame Figaro e 128 per Figaro Magazine). Lo scarto rimane significativo sull’arredo: 155 per M vs. 138 per Madame Figaro e 102 per Figaro Magazine. Infine, comprano più marchi italiani (su base 100): 126 per M e 104 per Madame Figaro.
Telegraph Luxury – Speciale Women’s Style
Il 14 Settembre è stato pubblicato lo Speciale Women’s Style di Telegraph Luxury, all’interno del quale vengono passate in rassegna le tendenze che caratterizzeranno la moda donna per la stagione Autunno-Inverno 2019.
Fra i contenuti del magazine spicca l’intervista a Maria Giulia Prezioso Maramotti, realizzata da Sasha Slater. Alla vigilia della seconda sfilata di Max Mara presso il Neues Museum di Berlino, la nipote di Achille Maramotti, nonché Global Brand Ambassador, racconta di quanto sia importante rimanere fedeli ai propri principi creativi e di come la moda, oggi, abbia anche un risvolto politico; la decisione di organizzare la catwalk a Berlino nell’anno del 30° anniversario della caduta del Muro, infatti, è stata guidata dalla volontà di dare un messaggio ben preciso: «Non vogliamo barriere».
Ricordiamo che la testata vanta una distribuzione di 350.000 copie ed è pubblicata 8 volte all’anno.
Il reddito medio del lettore è di £121.000, 7 lettori su 10 sono stati ispirati dal Telegraph a fare acquisti di lusso e spendono in media £3.213 in Women’s Style (fonte PAMCo 2018/4, TGI Clickstream Q4 2018).
ST Men – Autumn/Winter 2019
Protagonista dell’edizione Autumn/Winter 2019 di ST Men, pubblicato il 22 Settembre, è James Aiken, uno dei filmmaker britannici più acclamati del momento. Noto al grande pubblico per la veridicità e la profondità dei suoi documentari, James Aiken è essenzialmente un esploratore che, grazie alla passione per la navigazione, ha deciso di immortalare le proprie avventure attraverso una telecamera. La predilezione per terre selvagge e incontaminate, nonché la curiosità di conoscere culture e tradizioni differenti, lo hanno aiutato ad apprezzare la solitudine (egli, infatti, viaggia quasi sempre da solo) e il distacco dalle apprensioni della vita quotidiana.
All’interno della sezione “First Look”, infine, troviamo i capi e gli accessori maschili che caratterizzeranno la stagione Autunno/Inverno 2019: dagli outfit più eleganti e sofisticati da indossare nelle occasioni speciali, ai look casual per l’ufficio o per il weekend.
Ricordiamo che ST è l’unico supplemento “luxury” di un quotidiano domenicale nel Regno Unito (diffusione: 250.000 copie, 7 uscite all’anno).