Newsletter
6/16/2020
n° 06
in this issue:
- Francia: M omaggia L’Eco di Bergamo
- USA: Meredith Corporation commemora George Floyd
- Germania: “User Involvement Targeting”
- USA: L’edizione Primavera/Estate di Centurion USA
- Belgio: Numeri positivi per Roularta Media Group
- Pan-Regional: Il potere d’acquisto dell’audience di The Economist

A cura di: Arianna Rimoldi
M omaggia L’Eco di Bergamo
In occasione della pubblicazione di M del 29 Maggio, Marie-Pierre Lannelongue e il suo team editoriale hanno reso omaggio alla stampa ai tempi del Coronavirus, prendendo ad esempio L’Eco di Bergamo, simbolo della mobilitazione dei giornalisti.
La crisi sanitaria rivela un’inversione del rapporto con i media. Colpiti dal discredito, accusati di diffondere “fake news”, i giornali, le radio e i media online hanno riscosso un enorme successo dallo scoppio della crisi; come se ci fosse un bisogno frenetico di conoscere e comprendere la situazione unica, in cui tutti ci siamo imbattuti. I giornalisti hanno raccontato, spiegato e decifrato questa realtà. Costoro hanno svolto il proprio lavoro e, a volte, sono andati anche oltre: è il caso dell’Eco di Bergamo, il quotidiano dell’omonima città italiana, descritto come “martire” dagli esperti del settore. Si tratta di una testata storica, che gode di una reputazione e di una professionalità consolidate.
Dal 23 Febbraio, quando la situazione è degenerata nel Nord Italia, in particolare in Lombardia, si contavano quotidianamente centinaia di decessi a Bergamo. Le immagini dei convogli di bare che lasciano la città per essere cremate in altre regioni (a causa della saturazione dei servizi di cremazione locali) rimarranno impresse nella memoria degli italiani, in ricordo dell’orrore che Bergamo ha vissuto.
All’interno dell’Eco, la sezione dedicata ai necrologi si è ampliata considerevolmente, fino a raggiungere le 13 pagine a metà marzo: 13 pagine di nomi e cognomi che hanno sconvolto numerose famiglie, le quali non hanno più rivisto padri, zii o figli dopo il loro ricovero in ospedale. Anche i giornalisti del quotidiano bergamasco sono stati colpiti dalla malattia e hanno perso molti cari. Tuttavia, non hanno mai smesso di informare i loro concittadini, avviando un notevole lavoro di conteggio dei decessi che le autorità non sono state in grado di eseguire. Sotto loro iniziativa, inoltre, sono stati allestiti uno schermo gigante per proiettare i volti dei dispersi e due hotel con squadre mediche, volti ad accogliere i convalescenti (grazie a una raccolta fondi). In totale, L’Eco ha raggiunto 13.000 nuovi lettori dall’inizio della pandemia.
È con immenso orgoglio, dunque, che la redazione di M, le magazine du Monde ha voluto dedicare un lungo articolo all’ottimo lavoro realizzato dai loro omologhi bergamaschi.
Ricordiamo che M vanta una distribuzione di 320.869 copie alla settimana (+13% vs. 2018, fonte: ACPM OJD 2020), per un totale di 2.064.000 lettori settimanali (fonte: ACPM ONE NEXT Global 2019). Per quanto riguarda la parte web, lemonde.fr registra ben 651.487.064 page views mensili (fonte: ACPM March 2020).
Meredith Corporation commemora George Floyd
Al fine di commemorare George Floyd e condividere il forte senso di tristezza per gli avvenimenti che stanno travolgendo l’America, Tom Harty (Presidente e CEO di Meredith Corporation) ha deciso di incoraggiare una riflessione sull’accaduto, invitando i propri dipendenti a dedicare 4 ore lavorative nel corso della giornata del 9 Giugno a conversazioni, condivisioni di esperienze e dibattiti legati ai fatti di Minneapolis. La data scelta per l’iniziativa coincide con il giorno in cui si sono svolti i funerali di George Floyd, nell’ottica di rendere il messaggio ancora più sentito e profondo. Attraverso questo gesto, Meredith intende fornire il proprio contributo alla creazione di un ambiente più leale, più sensibile e più inclusivo tanto a livello lavorativo quanto nei confronti delle comunità circostanti.
“User Involvement Targeting”
Recentemente IQ Digital ha deciso di avvalersi dello strumento dello “User Involvement Targeting” per consentire ai brand di lusso di procedere con la targetizzazione personalizzata degli utenti a cui vogliono rivolgersi. Nel dettaglio, IQ Digital fornisce un elenco di griffe e di topics fra i quali selezionare quelli di proprio interesse; il brand in questione ha la possibilità di creare la propria lista, scegliendo fra i marchi indicati in quella proposta dall’editore e aggiungendone di ulteriori. In questo modo, il cliente è certo di “colpire” un bacino di utenza ampio e mirato attraverso tutti i siti di IQ Digital. Utilizzando i dati esclusivi forniti dall’editore, la campagna acquistata dal brand sarà visualizzata solo dagli users che sono interessati ai topics indicati dal cliente, così da soddisfare le loro esigenze.
Grazie a un portfolio di qualità e a una tecnologia avanzata, IQ Digital offre un metodo di targetizzazione innovativo ed esclusivo.
L’edizione Primavera/Estate di Centurion USA
«Quando abbiamo concluso quest’edizione di Centurion, molti di noi hanno imparato a gestire il proprio lavoro, la propria vita sociale, il proprio benessere e qualunque cosa abbiamo ritenuto importante, virtualmente dalle nostre abitazioni. Con la stesura di questo editoriale, cominciamo a intravedere una luce in fondo al tunnel: sebbene si stia assistendo alla ripresa economica e al pacato ritorno alla vita sociale, resta ancora da scoprire quando sarà possibile viaggiare liberamente, cenare, andare a fare shopping o recarsi a teatro. So benissimo che riprenderemo a fare tutte queste attività, e anch’io le farò, ma solo nel momento in cui saremo pronti. Sono sicuro che i valori che guidano le nostre scelte sulle mete dei viaggi da intraprendere o su come trascorrere al meglio il nostro tempo libero, si rafforzeranno». Ecco le parole utilizzate da Jeffries Blackerby, Editor in Chief della testata, per introdurre l’edizione Primavera/Estate di Centurion USA.
Il numero in questione è dedicato alla riscoperta del piacere del viaggio e al lento ritorno alla normalità, dopo il periodo di quarantena da Covid-19: che si tratti di una sessione di meditazione nel centro benessere più in voga dell’India settentrionale o di un’esperienza di Safari nella splendida Namibia, l’emozione provata dal lettore (nonché futuro viaggiatore) sarà unica e indescrivibile.
Il lettore, inoltre, viene invitato a non trascurare la sfera degli investimenti in quanto l’acquisto di un pezzo di alta gioielleria piuttosto che l’acquisizione di una nuova abitazione in un quartiere residenziale consentono a designer, architetti e artigiani di sopravvivere alla crisi in atto.
Ricordiamo che Centurion USA viene pubblicato due volte all’anno: a Maggio esce l’edizione Spring/Summer mentre a Novembre, il numero Fall/Winter. La rivista condivide lo stesso Editor in Chief di Departures, ovvero Jeffries Blackerby, e viene distribuito a tutti i possessori di carta Centurion. Si tratta di un bacino ristretto di lettori con un altissimo potere d’acquisto.
Numeri positivi per Roularta Media Group
Forte del plauso del proprio lettorato, che ha apprezzato la serietà e la trasparenza con cui è stata trattata la tematica della crisi in atto, Roularta Media Group ha continuato a investire nella propria politica di abbonamento, raggiungendo ben 13.279 nuovi abbonati nel solo mese di Aprile. Qui di seguito riportiamo i risultati più rilevanti:
- “Libelle” e “Femme d’Aujourd’hui” hanno riscontrato il successo maggiore con 6.031 nuovi abbonati ad Aprile;
- “Knack” e “Le Vif/L’Express” contano 2.066 abbonamenti recenti;
- presso le edicole, le vendite di “Trends” sono aumentate del 47% negli ultimi 2 mesi;
- le vendite di “Le Vif/L’Express” hanno conosciuto un incremento del 35%;
- nel mese di Marzo, il numero degli unique users dei principali siti di news del Gruppo (knack.be, trends.be, ecc.) è raddoppiato rispetto a Marzo 2019;
- durante il periodo Gennaio-Aprile 2020, RMG ha registrato 15.600.000 page views (+30% vs. Gennaio-Aprile 2019);
- +30-50% unique users sui siti femminili del Gruppo nel periodo Gennaio-fine Aprile 2020 vs. 2019;
- tra l’1 Gennaio e il 30 Aprile 2020 i siti di Flair NL e Flair FR hanno registrato, rispettivamente, 18.800.000 e 12.000.000 page views in più, considerando lo stesso intervallo di tempo nel 2019.
Pan-Regional  
Il potere d’acquisto dell’audience di The Economist
Di recente sono stati pubblicati i risultati dello studio “Ipsos Global Business Influencers 2019 USA/Europe/APAC”, secondo il quale i lettori di The Economist sono fortemente interessati all’acquisto di prodotti di lusso e di qualità. Nel dettaglio, la categoria “Global Business Influencer HNWIs/UHNWIs”, di età compresa tra i 25 e i 54 anni, gode di un reddito medio pari a circa 1 milione di dollari e può essere suddivisa come segue:
- l’80% ritiene che prodotti e servizi di lusso giochino un ruolo importante nella propria vita;
- l’80% influenza le tendenze, le opinioni e gli acquisti altrui in merito a prodotti e servizi di lusso;
- il 44% possiede linee di abbigliamento e di scarpe di lusso del valore di circa 2.500 $;
- circa il 50% pianifica di comprare indumenti o calzature di lusso del valore di 2.500 $ o più nei prossimi 12 mesi.
Il lettorato di The Economist, composto per il 76% da uomini e per il 24% da donne, ricopre principalmente posizioni manageriali e ha un elevato potere d’acquisto. In particolare:
- nella regione APAC, il 76% dei lettori è composto da Senior Managers, il 47% da C-Suite Executives e, in media, il loro stipendio ammonta a 514.377 $;
- negli USA, gran parte del lettorato rientra nella fascia dei Senior Managers (47%) mentre il 36% occupa la posizione di C-Suite Executives, con uno stipendio medio di 204.293 $;
- In Europa, lo stipendio medio dei lettori di The Economist è pari 132.681 €. Per il 60% si tratta di Senior Managers e per il 41% di C-Suite Executives;
- nel Regno Unito, la suddivisione è la seguente: 60% Senior Managers e 42% C-Suite Executives con uno stipendio medio di 162.250 €.
Per quanto riguarda l’audience online, nel mese di Maggio, si è registrato un notevole incremento del traffico e dell’engagement su Economist.com e sulla nuova app. Il traffico sul sito, infatti, è aumentato del 54% (unique visitors) rispetto a Maggio 2019, mentre il tempo speso nella sua consultazione è cresciuto del 69%.
L’aumento del traffico sull’app, invece, è stata pari al 267% a livello di unique visitors, al 294% per le visite e al 267% in riferimento alle page views.
Sempre durante il mese di Maggio, i podcasts del Gruppo hanno portato a 18.7 milioni di downloads, raggiungendo 2.4 milioni di unique listeners.
Infine, il 20 Maggio, le 3 sezioni più visualizzate di E.com sono risultate essere:
- “Leaders” con 4.8 milioni di page views
- “United States” con 2.3 milioni di page views;
- “Science and Technology” con 2.3 milioni di page views.